L’importanza dell’attività motoria nella vita dei bambini

Secondo la ricerca, Lo stile di vita di bambini e ragazzi, realizzata da Ipsos per Save the Children, un quarto dei bambini e adolescenti italiani non fa alcuna attività motoria.

Fra le cause dell’inattività, secondo i genitori, la mancanza di voglia dei bambini, il costo eccessivo delle strutture e l’incopatibilità degli orari.

Emerge, dunque, l’impatto delle difficoltà economiche sugli stili di vita di famiglie e minori, che sono quindi sempre più sedentari. Analizzando, infatti, l’opinione dei ragazzi, colpisce scoprire che molti di loro danno poca importanza all’attività fisica.

Si conferma, secondo la ricerca, il ruolo della scuola nella promozione delle attività sportive anche se si registra una maggiore indisponibilità di spazi a ciò destinati: il 91% dei ragazzi  pratica attività nel contesto del programma scolastico, prevalentemente con la classica frequenza bi-settimanale, riferiscono i genitori intervistati.

Un 9% di minori, tuttavia, non fa pratica motoria a scuola e ciò si deve, nel 39% dei casi, alla assenza di uno spazio attrezzato (+10% rispetto al 2012).

Questi elementi, uniti ad abitudini alimentari non corrette e all’incidenza del tempo speso in casa davanti a tv e videogiochi, fanno sì che i bambini italiani siano sempre più a rischio obesità.

Per queste ragioni Save the Children ha deciso di intervenire, insieme a Mondelēz International Foundation e in partnership con il Centro Sportivo Italiano (CSI) e l’Unione Italiana Sport Per tutti (UISP), avviando il progetto  Pronti, Partenza, Via!”.

Non tutti i bambini, in Italia, hanno infatti la possibilità di giocare all’aria aperta in spazi adeguati e di praticare, sin da piccoli, uno stile di vita sano. I minori che vivono nei quartieri periferici delle nostre città, o in aree comunque povere di servizi per l’infanzia, sono i più esposti al rischio di sedentarietà e quindi di sovrappeso e obesità. Più in generale, sono molti i bambini che rischiano di non avere le opportunità di gioco e di socialità indispensabili per crescere in modo sano e sereno.

L’intervento ha inteso sensibilizzare, informare e coinvolgere bambini, genitori, insegnanti e operatori del settore per promuovere stili di vita più salutari in aree particolarmente disagiate di 10 città italiane distribuite su tutto il territorio nazionale: Torino, Genova, Milano, Aprilia, Ancona, Sassari, Napoli, Bari, Palermo e Catania.

Le foto di Francesco Alesi per Save the Children, mostrano bambini e mamme mentre praticano attività fisiche in edifici riqualificati per l’attività sportiva e ricreativa.

Leggi il comunicato e scarica la ricerca

Commenti

commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter Powered By : XYZScripts.com